Test positivo per il Taekwondo Team della palestra Corpo Libero di Ronchi dei Legionari (GO) al “Insubria Cup” di Cornaredo (MI); 950 atleti iscritti e 65 Società presenti.

IMG_4429 IMG_4427 IMG_4428

Test positivo per il Taekwondo Team della palestra Corpo Libero di Ronchi dei Legionari (GO) al “Insubria Cup” di Cornaredo (MI); 950 atleti iscritti e 65 Società presenti.

La Squadra agonisti del Taekwondo Team (Cat. Senior) capitanata dal sottoscritto Claudio Diafano, composta nella circostanza da 3 atleti, tra cui 1 all’esordio, lo scorso 1 febbraio  ha preso parte al Campionato di combattimento Interregionale della Lombardia 2015.

 

Sebbene formalmente ci fosse in palio “solo” il titolo regionale lombardo,  ha rappresentato un ottimo test a livello italiano per capire lo stato di forma dei nostri atleti in Vista dei prossimi impegni.

Paul Desire BROU, all’esordio (categoria  -74 cinture bianche/gialle); nato in Costa D’Avorio 32 anni fa, da anni residente a Monfalcone (GO), reduce da un infortunio al piede destro che da un mese circa non gli da tregua, ha voluto comunque  provare l’emozione di salire sul tatami e combattere (nei sedicesimi) contro un atleta Lombardo. L’infortunio e l’emozione dell’esordio sono stati una miscela negativa per il nostro atleta ivoriano il quale si è dovuto arrendere al terzo round perdendo in un tiratissimo incontro con il punteggio di 9-5. Gara finita per Paul Desire BROU ma con la consapevolezza di avere tutte le qualità,  sia tecniche che fisiche,  per far bene in futuro.

Davide LAUDICINA, atleta isontino classe 92 (Cat. -84 cinture bianche/gialle), reduce da ben due gare internazionali (Croazia e Slovacchia), in Lombardia si è visto contrapposto con soli tre atleti in gara e , grazie al sorteggio,  si è trovato catapultato in finale  a combattere contro un atleta di Jesolo, vincitore della semifinale contro un atleta di Bolzano.  L’esperienza di DAVIDE acquisita nelle gare internazionali è subito evidente, dimostra notevole sicurezza prendendo l’iniziativa fin dal primo secondo. La strategia  2d’attacco” si dimostra vincente,  tant’è che già al primo round Davide LAUDICINA si trova in vantaggio con il punteggio di 10 a 5.  Il secondo Round inizia all’insegna del nervosismo da ambedue le parti e la gara inizia a farsi tesa corredata da diverse scorrettezze (cadute, attacchi sotto la cintura e uscite dal tatami).  Davide viene più volte ammonito, dall’ottimo arbitro Internazionale, e ciò permette all’avversario di ottenere 4 punti che lo vedono chiudere il secondo Round ad un punto da nostro atleta. Nel 3° e ultimo Round la stanchezza comincia a farsi sentire, tuttavia Davide riesce a conquistare altri 5 punti. A questo punto il suo avversario non ci sta ed incalza il Davide con alcuni calci vincenti che lo vedono raggiungere il punteggio di 14 a 15. Davide ha comunque la vittoria in pugno e nel disperato attacco messo in atto dal suo avversario nell’ultimo secondo di gara, Davide commette l’errore di dare le spalle all’avversario. Tale azione ha decretato una ammonizione che ha di fatto “regalato” de facto la vittoria al suo avversario (somma di ammonizioni). Medaglia d’oro sfuggita per un soffio.  Si deve accontentare cosi della medaglia d’argento.

Infine, la giornata di combattimenti in Lombardia, si è conclusa con l’ottima prestazione di Michael COSOLO, classe 1992 (Cat. -68  cinture bianche/gialle), il quale ha dimostrato doti non comuni per questo Sport. Proveniente dal Taekwondo cd. tradizionale, alcuni mesi fa è entrato in punta di piedi nel mondo del Taekwondo WTF (Sport Olimpico), ovvero nel Taekwondo Team del Coach Claudio Diafano, con forte determinazione sapendo di avere una buona preparazione tecnica, ma anche con rispetto sapendo che sarebbe stata particolarmente impegnativo mettersi in gioco in uno Sport di contatto totale, seppur regolamentato, com’è il Taekwondo WTF (World Taekwondo Federation).

Michael  COSOLO, con un solo Combattimento alle spalle, un Open in Slovenia tenutosi lo scorso anno, è arrivato in Lombardia con l’emozione che contraddistingue gli atleti alla loro prima esperienza di combattimento. All’uscita dei tabelloni di gara l’emozione si è fatta ancora più grande quando ha realizzato che gli atleti in gara, in lotta per contendersi il podio più alto, erano in 16. Tuttavia, una volta salito sul campo di gara ottagonale, dopo un primo round all’insegna della “confusione”, Michael COSOLO vince gli ottavi con un ottimo punteggio di 10 a 5. Galvanizzato dal risultato precedente vince ai quarti di finale per 15 a 3  con un combattimento perfetto sotto ogni punto di vista (tattico e tecnico), gli spettatori e I tecnici presenti hanno potuto assaporare un combattimento di alto livello,  solitamente riservato agli atleti con la cintura nera. La magia viene interrotta in semifinale da un avversario più alto, dotato di un notevole allungo di gambe il quale riesce a mettere a segno un calcio al viso (3 punti) proprio mentre la gara sembrava volgere al termine con il punteggio di 4 a 4. La vittoria in quel caso sarebbe stata decisa con un 4° round e decretata dal Golden Point (vince chi per primo fa un punto). Michael, ha provato in tutti i modi di riacciuffare la gara con calci diretti al viso dell’avversario ma, seppur per un soffio, sono andati a vuoto. La gara,  finita per 7 a 4,  ha vanificato per Michael la possibilità di andare in FINALE e al suo collo è finita  la medaglia di BRONZO.

Da Cornaredo (MI)  dunque, con tre atleti in gara, portiamo a Casa  un ARGENTO e un BRONZO ma, cosa più importante, anche la consapevolezza che il Taekwondo Team della SSD CORPO LIBERO non è seconda a nessuno e che con dedizione, serietà ed impegno si possono raggiungere ben più alti traguardi.

 

 

Il Direttore Tecnico Claudio Diafano